L’ECCELLENZA IN MATERIA

DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

Il Club “Comuni EcoCampioni in carta e cartone” nasce nell’ottobre 2007 in Campania per riunire, sostenere e ricompensare i Comuni che hanno raggiunto risultati di eccellenza nella raccolta differenziata della carta e del cartone, tali da divenire un modello di riferimento.

I fondatori del primo Club sono 7 Comuni campani che accolgono l’invito di Comieco di entrare in un club che, anche attraverso campagne di comunicazione e sensibilizzazione, favorisca la circolazione delle informazioni e la condivisione di esperienze in modo da diffondere le buone pratiche anche tra le altre amministrazioni.

Il Club degli Ecocampioni è un organismo aperto a cui possono aderire tutti i Comuni interessati. L’adesione richiede il rispetto, da parte dei Comuni, degli standard quantitativi e qualitativi di raccolta differenziata di carta e cartone definiti dal Regolamento; i comuni aderenti devono inoltre rispettare le 10 buone regole per la raccolta differenziata di carta e cartone presenti nel Manifesto del Club.

Comieco supporta i Comuni che entrano a far parte del Club destinando delle risorse dedicate: ad esempio, da tre anni viene indetto un bando aperto ai Comuni aderenti destinato al finanziamento di un progetto di comunicazione a sostegno della raccolta differenziata di carta e cartone. Oltre ai vantaggi derivanti dal suddetto bando, Comieco mette a disposizione dei Club materiale didattico-educativo utilizzabile per migliorare la raccolta differenziata di carta e cartone.

Ad oggi i Club che riuniscono le eccellenze in materia di raccolta differenziata sono stati fondati in Campania, Sardegna e Puglia ma grazie agli importanti risultati raggiunti in Italia in materia di recupero e riciclo degli imballaggi cellulosici, nuovi club regionali di Ecocampioni prenderanno vita.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

I risultati

NEWS

Quarta Edizione Bando Comieco-Anci: aperte le iscrizioni

18/01/2017

Comieco in accordo con ANCI, rinnova per il quarto anno il Bando per l’acquisto di attrezzature per sostenere lo sviluppo della raccolta differenziata di carta e cartone in Italia. L’obiettivo è incrementare quantità e qualità […]

Torna RicicloAperto, Il “porte aperte” della filiera italiana del riciclo di carta e cartone

09/01/2017

Riciclo di carta e cartone: un perfetto esempio di economia circolare. Dal 26 al 28 aprile aperti impianti in tutta Italia per scoprire come, grazie al riciclo, una scatola torna in vita in meno di […]

Tutte le news >

Le 10 regole del riciclo

DIECI SEMPLICI AZIONI CHE PORTANO A GRANDI RISULTATI

  • Anteprima
    1
    Carta e cartone da riciclare vanno depositati all’interno degli appositi contenitori e non lasciati fuori.
  • Anteprima
    2
    Gli imballaggi con residui di cibo non vanno nella raccolta differenziata. Generano cattivi odori e contaminano la carta riciclabile.
  • Anteprima
    3
    Gli scontrini non vanno gettati con la carta perché sono fatti per lo più con carte termiche, i cui componenti reagiscono al calore, generando problemi nel riciclo.
  • Anteprima
    4
    La carta oleata (come quella di formaggi, focacce o salumi) non è riciclabile.
  • Anteprima
    5
    I fazzoletti di carta usati non vanno nella differenziata. Sono antispappolo e quindi difficili da riciclare.
  • Anteprima
    6
    La carta sporca di sostanze velenose, come vernici o solventi, non va nella differenziata perché contamina i materiali riciclabili.
  • Anteprima
    7
    Punti metallici, nastri adesivi e altri materiali non cellulosici vanno sempre tolti da carta e cartone.
  • Anteprima
    8
    Le scatole vanno appiattite e gli scatoloni compressi per ridurne i volumi e facilitare il lavoro degli operatori della raccolta.
  • Anteprima
    9
    Il sacchetto di plastica usato per portare la carta al contenitore apposito non va poi buttato con la carta.
  • Anteprima
    10
    Ogni Comune stabilisce le sue 10 regole: informarsi su quelle in vigore è un dovere di ogni cittadino.